sustainable powerhouses

Progettare edifici sostenibili

Nel 2019, per il terzo anno consecutivo, le emissioni mondiali di gas serra hanno raggiunto un nuovo record.1https://www.europeanscientist.com/en/environment/global-carbon-emissions-reach-record-high-for-third-consecutive-year Un nuovo movimento di progettazione degli edifici cerca di contribuire a invertire questa tendenza avvalendosi dei principi dell'edilizia a energia positiva e sfruttando l'energia solare in loco.
Clienti aziendali
Pannelli Maxeon

Secondo il World Resources Institute, gli edifici sono responsabili di un terzo del consumo mondiale di energia e di un quarto delle emissioni totali di anidride carbonica. Il motivo? Attualmente, purtroppo, la grande maggioranza degli edifici commerciali è ancora inefficiente dal punto di vista energetico ed è servita da impianti che utilizzano combustibili fossili.

È però in atto un movimento volto a trasformare gli edifici da consumatori a produttori di energia.

Un team di progettazione in Norvegia utilizza i principi dell'energia positiva per ripensare il modo in cui gli edifici sono progettati, costruiti, riforniti di energia e, infine, demoliti. Powerhouse è una collaborazione a livello di ricerca, progettazione e costruzione tra i partner di settore EntraSkanska, ZERO, Snøhetta e Asplan Viak. Il nome Powerhouse, vale a dire "centrale elettrica", non è stato scelto a caso, poiché invece di seguire il principio secondo cui "la forma segue la funzione", il team ha messo al primo posto l'ambiente, concentrandosi in particolare su un uso e una distribuzione dell'energia efficienti.

Il principio dell'energia positiva

Gli edifici a energia positiva producono più energia pulita e rinnovabile di quanta ne consumino nell'intero ciclo di vita, dalla costruzione alla demolizione. Compensano persino l'energia impiegata per la produzione dei materiali utilizzati per la costruzione degli edifici stessi.

L'ultimo esempio di questo approccio viene dalla Powerhouse Brattørkaia, un edificio per uffici a energia positiva costruito nel tratto più settentrionale della Norvegia. L'edificio è caratterizzato da numerose soluzioni ad alto e a basso contenuto tecnologico che riducono l'uso di energia per le operazioni quotidiane. Queste strategie comprendono un uso massiccio dell'isolamento e soluzioni intelligenti che gestiscono i flussi d'aria riducendo la necessità del riscaldamento. Per il riscaldamento e il raffrescamento è utilizzata acqua di mare. Le condizioni di luce naturale sono ottimizzate grazie al design dell'intero edificio, e l'uso della luce artificiale è mantenuto al minimo.

Il tetto della Powerhouse Brattørkaia, coperto da 1.157 pannelli solari SunPower Maxeon che producono in media 358.000 kWh di energia all'anno

Il tetto della Powerhouse Brattørkaia, coperto da 1.157 pannelli solari SunPower Maxeon che producono in media 358.000 kWh di energia all'anno

Un sistema solare finemente progettato e installato sul tetto con grande perizia dal partner SunPower Solcellespesialisten produce una quantità di energia più che sufficiente per la fornitura annuale della Powerhouse, oltre a compensare i costi energetici inclusi nell'arco di vita dell'edificio, della durata di 60 anni.

La nostra missione è far sì che tutti gli edifici siano a energia positiva. Per questo vogliamo abbattere le barriere di questo settore, dimostrando che abbiamo la tecnologia e le conoscenze necessarie per rendere tutto questo possibile, adesso.
Rune Stene, Director of Technology di Skanska

Trovare i giusti materiali di base

Progettare un edificio autosufficiente dal punto di vista energetico è un conto, ma rispondere dell'energia utilizzata per produrre tutti i materiali dell'edificio è completamente un'altra questione.

Cecilie Jonassen, Director of Business Development di Solcellespesialisten, spiega: "Dovevamo utilizzare prodotti accompagnati da una documentazione che specificasse la quantità di energia inclusa nella loro estrazione e lavorazione".

Quando è venuto il momento di selezionare un pannello solare per il progetto, il team ha scelto SunPower Maxeon, che produce fino al 35% di energia in più nell'arco di 25 anni rispetto a pannelli convenzionali collocati nello stesso spazio.2Pannello SunPower da 400 W, con efficienza del 22,6%, rispetto a un pannello convenzionale su campi di pari dimensioni (mono PERC 310 W, efficienza del 19%, circa 1,64 m²) L'alta efficienza, l'eccellente resistenza al carico di vento e il vantaggio nello spettro luminoso che contraddistinguono SunPower erano caratteristiche cruciali per la località del progetto. Ma è stato l'impegno per la sostenibilità di SunPower a convincerci definitivamente. Dopo aver vinto nel 2019 il primo premio di pv magazine per la sostenibilità, SunPower è orgogliosa di essere leader nel settore dell'industria fotovoltaica sostenibile. Nella valutazione dei fornitori effettuata dal team Powerhouse, SunPower si è distinta per la Declare Label, un'etichetta simile a quella nutrizionale presente sui prodotti.

L'etichetta Declare aiuta i progettisti a sapere come sono fatti i prodotti e ad avere informazioni sui materiali di base, i luoghi di produzione, la durata di vita prevista e la riciclabilità. SunPower è il primo e unico produttore di pannelli solari a livello mondiale a fornire queste informazioni e questa trasparenza. Come mostra l'etichetta Declare, i pannelli solari CC SunPower Maxeon sono privi di sostanze nocive come piombo o cadmio e non richiedono un processo di riciclo che segua le procedure di smaltimento per rifiuti pericolosi. Inoltre, SunPower si avvale di un Programma di sostenibilità della filiera per aiutare i propri fornitori a soddisfare i propri requisiti in materia di ambiente, salute, sicurezza, lavoro, etica e sostanze chimiche.

Etichetta Declare per Maxeon 2 e 3Etichetta Declare per Maxeon 5

SunPower è il primo e unico produttore nel settore solare a dichiarare la composizione dei pannelli attraverso l'etichetta Declare.

Grazie alle sue caratteristiche, la Powerhouse Brattørkaia ha ricevuto la certificazione BREEAM con classificazione "Outstanding", la più elevata tra quelle assegnate dalla metodologia leader a livello mondiale per la valutazione del livello di sostenibilità raggiunto da un asset in campo ambientale, sociale ed economico. Le soluzioni che la contraddistinguono sostengono l'Accordo di Parigi siglato dai membri dell'UNFCCC, che persegue l'obiettivo di limitare l'incremento della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius.

Per raggiungere questo traguardo per il clima, gli edifici costruiti in tutto il mondo devono diventare parte della soluzione. La Powerhouse Brattørkaia è la dimostrazione di che cosa è possibile fare quando i principi della progettazione sostenibile vengono messi al primo posto. SunPower è orgogliosa di essere al fianco di questo team. Se vuoi saperne di più sulla progettazione della Powerhouse Brattørkaia, leggi la case study Economizzare l'energia.

Vuoi unirti al movimento per la sostenibilità? Parliamone insieme.

Sì!
Compila il modulo o chiamaci al numero verde 800 795 730.
Address

Inviando i tuoi dati a SunPower, dichiari di accettare le Condizioni di utilizzo e L'Informativa sulla Privacy di SunPower.